CUBO è il museo d’impresa del Gruppo Unipol creato per raccontare l’identità, il patrimonio culturale e la storia di Unipol, traducendo le sfide del Gruppo in storie, esperienze e percorsi.
Attraverso CUBO, il Gruppo si propone di comunicare il ruolo sociale dell’assicurazione con il linguaggio della cultura e dell’arte, ponendo sempre la persona al centro dell’attenzione; CUBO promuove l’innovazione tramite iniziative educative ed esperienze che mostrano l’impatto della tecnologia su temi importanti per il Gruppo, quali la percezione del rischio e la sicurezza. CUBO promuove la collaborazione con le Istituzioni, le eccellenze locali, nazionali ed internazionali per divulgare i valori dell’impresa, consapevoli che la cultura è il principale strumento di sviluppo, inclusione e dialogo sociale. CUBO rappresenta un vero e proprio incubatore sulla sicurezza disponibile per scuole, istituzioni, associazioni e categorie professionali, in generale per le persone interessate a questi temi.

Vedi l’indirizzo su Maps

Sicurezza

Obiettivo Sicurezza è lo spazio dotato di simulatori di guida: auto, moto, bici e pedana in grado di riprodurre gli effetti provocati da particolari condizioni ambientali e psicofisiche. Lo spazio rappresenta un vero e proprio laboratorio di educazione stradale disponibile per scuole, istituzioni, associazioni e categorie professionali legate all’utilizzo della strada, ma anche per tutti coloro che sono interessati a queste tematiche.
Attraverso Obiettivo Sicurezza, CUBO è in grado di offrire a ragazzi e adulti una proposta formativa che aiuti a muoversi con destrezza sulla strada, un ambiente che può rivelarsi ricco di insidie. Tale proposta è dedicata ad automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni.

Arte

Spazio Arte promuove l’arte contemporanea in tutte le sue forme con uno sguardo attento alle nuove generazioni e favorisce la conoscenza del patrimonio artistico del Gruppo Unipol attraverso la realizzazione di mostre temporanee, incontri con artisti e workshop.
CUBO cura la catalogazione, la conservazione del patrimonio artistico del Gruppo Unipol e la sua valorizzazione attraverso una serie di iniziative che ne permettono la conoscenza tra cui i prestiti di opere per importanti mostre temporanee in Italia e all’estero. Il patrimonio artistico del Gruppo Unipol è il risultato di diverse vicende collezionistiche e frutto di processi di fusione con altre compagnie assicurative
Dida: Marc Chagall, “La charette”, 1925, dettaglio

Mediateca

Mediateca propone mostre multimediali, eventi e laboratori sui temi di attualità, e offre la consultazione multimediale del materiale dell’archivio storico del Gruppo Unipol.
Tutto il materiale è consultabile tramite un’apposita rinnovata applicazione e, su richiesta e per specifiche esigenze, è anche visionabile fisicamente. Curiamo la linea del tempo che è un’applicazione disponibile sui tavoli touch che permette di interagire per conoscere la storia del Gruppo Unipol dalla nascita fino al presente, la storia delle città dove hanno sede le principali sedi del Gruppo, la storia dell’Italia e del mondo. A corredo di ogni notizia sono associati oggetti multimediali (video, fotografie, documenti sfogliabili, ecc.) e il visitatore interagisce con immagini e testi per approfondire le proprie curiosità. È presente anche una applicazione che racconta l’evoluzione aziendale in termini numerici con la serie storica dei principali indicatori che rappresentano la crescita e lo sviluppo del nostro Gruppo, dal numero dei dipendenti alle quote di mercato, al numero delle agenzie e alla potenza dell’elaboratore centrale.

Archivio storico

L’archivio storico di CUBO vuole essere la memoria storica dell’azienda. Il nostro compito principale è ricercare, studiare, catalogare e archiviare – in modalità digitale e fisica – il materiale storico proveniente da tante aree aziendali e dalla successiva acquisizione dei fondi storici delle società entrate a far parte del Gruppo.
Il materiale è prevalentemente cartaceo e comprende documenti personali (corrispondenza, relazioni dei vertici aziendali), documentazione propriamente tecnica, aziendale, atti giuridici, libri sociali (verbali, bilanci, relazioni) e materiale di pubblicità e comunicazione. Inoltre raccogliamo fotografie, video, manifesti, pubblicità e oggetti, gadget, targhe, insegne. Al 31 maggio 2018 l’archivio storico contiene oltre 11.000 documenti digitalizzati.

Vuoi rimanere aggiornato sulle tante iniziative
riservate agli abbonati della Card?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!