La Quadreria. Palazzo Rossi Poggi Marsili restituisce alla città tavole e tele di maestri prevalentemente bolognesi, appartenenti al vasto patrimonio delle antiche Opere pie, dal 2014 riunite in ASP Città di Bologna. Nella galleria curata da Marco Riccòmini, sono esposti circa cinquanta dipinti, dal Cinquecento al Settecento. Ogni stanza è a tema e riunisce opere simili per epoca o per stile.

Vedi l’indirizzo su Maps

Michele Desubleo (attribuito)
Il Silenzio
ovale cm. 120 x 90
olio su tela
ante 1644

Il giovane rappresentato – allegoria del silenzio – invita l’osservatore a tacere tenendo l’indice della mano destra sulla bocca e nella mano sinistra un ramo di pesco, le cui foglie richiamano la lingua e i frutti il cuore. L’artista ha voluto mettere in campo una doppia simbologia: il personaggio ha le sembianze di Hermes, divinità della parola, del lògos, mentre il pesco è il frutto consacrato ad dio del silenzio Arpocrate.

Ubaldo Gandolfi
San Petronio
cm. 130 x 96
olio su tela
1744

Il dipinto raffigurante San Petronio proviene dal Conservatorio del Baraccano. E’ parte di un gruppo di sei tele realizzate da Ubaldo Gandolfi su commissione del marchese Gregorio Filippo Maria Casali, Rettore della Confraternita del Baraccano tra gli anni ’60 e i ’70 del Sec. XVIII. Le opere non sono mai state restaurate e conservano ancora il supporto originale; nel verso del dipinto vi è la dedica L’Anno 1774 Ubaldo Gandolfi dipinse/il Marchese Senatore Gregorio Fil: Ma:/ Casali Bentivoglio Paleotti/Professo della Compagnia di S.ta M.a del Baraccano/A’ Suoi Amatissimi Fratelli Donò.

(Collegamento: Ubaldo Gandolfi – Santi Lucia, Maria Maddalena, Giuseppe e Francesco conservati alle Collezioni Comunali d’Arte di Bologna e di proprietà di ASP Città di Bologna).

Alessandro Tiarini
Annunciazione
cm. 209 x 144,5
olio su tela
metà Sec. XVII

Proveniente dal Collegio Montalto, quest’opera sembra collocarsi nella fase di piena maturità del pittore bolognese: in una costruzione drammatica della scena sono presenti, nel gesto di disvelamento della Vergine, riferimenti alla Fuga in Egitto di Guido Reni, dipinto per il convento dei girolamini di Napoli.

Vuoi rimanere aggiornato sulle tante iniziative
riservate agli abbonati della Card?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!